Gli eredi di Adolf Hitler? I palestinesi e gli europei di oggi

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Le stesse menzogne antisemite naziste, oggi le riascoltiamo quali falsità anti Israele, ripetute ormai da generazioni in terra santa dai palestinesi con l'aggravante che essi professano anche la distruzione della civiltà occidentale. Queste calunnie sono la fede e l'anima dei palestinesi ma anche dei razzisti antisemiti europei di oggi.

I palestinesi , i giovani nazisti degli anni trenta, come i giovani comunisti ma anche i democratici europei di oggi, professano a ripetizione calunnie e vigliaccate contro lo stato ebraico. Le stesse identiche denigrazioni che una volta erano patrimonio esclusivo dei nazisti e degli europei, vere e proprie fotocopie.

L' Europa, tutta felice, si affanna a divulgare infondatezze a ripetizione contro lo stato ebraico e non ha mai smesso di muovere a tutto vapore la sua vecchia potente macchina antisemita che ha contraddistinto la sua intellighenzia nei secoli scorsi. Questo strumento in verità non ha mai smesso di funzionale e far crescere nella falsità i giovani, facendo sgorgare a profusione l'odio razziale . Questa volta L'Europa lo fa sottoforma malcelata delle calunnie contro lo stato ebraico. Gli intellettuali europei fanno delle falsità palestinesi la bandiera della loro identità. Abbiamo ora generazioni di europei cresciuti nell'inganno , come a suo tempo fecero i nazisti. La novità però è questa : nella carognate professate in Europa contro Israele, c'è un uovo di pasqua con sorpresa : la distruzione della civiltà giudaico cristiana occidentale . i primi a perire saranno i divulgatori delle carognate. Insomma per essi un vero è proprio boomerang.

Tutte le organizzazioni palestinesi danneggiano soprattutto le loro generazioni di giovani. Camuffano la raccolta dei fondi per i diritti umani con i fondi che invece finiscono per finanziare la loro macchina della menzogna quale è la loro BDF Attraverso di essa seminano odio ed incitano al genocidio degli ebrei , nonché alla distruzione stessa della civiltà occidentale . La BDF palestinese in verità può danneggiare tutto il mondo dal punto di vista , culturale, economico, scientifico, della lotta contro il terrorismo, e soprattutto dal punto di vista etico e morale, non solo l'Europa. Come i nazisti , ma uguale proprio preciso a loro, le loro organizzazioni professano con l'equivoco , la bugia l'inganno e l'imbroglio , la distruzione dello stato ebraico ed lo sterminio in massa di tutti gli ebrei nel mondo.

L'odio razziale seminato con le calunnie anti stato ebraico è enorme e cresce di giorno in giorno in tutto il mondo.

Il BDF palestinese è apertamente antisemita. Professa una persecuzione anti israeliana, nascondendola con la scusa che lavora per , per la pace, contro l'occupazione.

Che sfacciataggine ! E' un attacco contro l'esistenza dello stato ebraico.

Israele ha sempre voluto restituire i territori in cambio di garanzia alla sua esistenza. E' stata

costretta ad occuparli con la guerra del 67 quando è stata attaccata , ma i palestinesi hanno sempre rifiutato di accettare la restituzione perché vogliono che Israele non deve esistere per niente. Il BDF si professa difensore dei diritti umani ma non ha mai difeso le vittime della guerra civile siriana, della dittatura iraniana, delle stragi in Libia ecc.. ecc..

Grazie ai frutti della mala pianta BDF oggi in Europa a dirla con Fiamma Nirenstain " Ci sono studenti e professori di Londra che votano democraticamente per chiudere ogni contatto con le università israeliane; c'è la ditta di telefonia Orange che dichiara "se potesse lascerebbe Israele domani" (poi si è dovuta scusare); c'è la Fifa che poi all'ultimo momento si è tirata indietro ma che su richiesta del terrorista Jibril Rajoub, capo dello sport palestinese, stava per escludere Israele da tutti i campi di calcio; ci sono 16 ministri degli Esteri con una lettera alla Mogherini per chiederle che i prodotti dell'West Bank siano etichettati così da mettergli una specie di stella gialla; c'è l'ONU il cui "Comitato per le ONG" ha appena conferito il distintivo dell'organizzazione al "Palestinian Return Center" che è in pratica la rappresentanza di Hamas, mentre ha escluso Zaka, volontari santi che raccolgono i resti degli uccisi negli attentati; sempre l'ONU che ha evitato solo di striscio, dopo pressanti richieste, di mettere Israele con Boko Haram e l'Isis, fra i soggetti che uccidono i bambini; e Ban Ki-moon che negando il diritto di Israele a difendersi lo biasima per l'intervento a Gaza; ci sono attori e musicisti che escludono Israele dai teatri, irresponsabili gruppi di scienziati che non vogliono contatti con le ricerche d'Israele che ci possono salvare dal cancro e dall'Alzheimer; o di ricercatori di high tech che sanno benissimo che senza Israele non saremmo arrivati ai livelli d'oggi eppure la respingono. Nei campus universitari americani e europei ogni minuto si svolge una settimana in cui si spargono le più inverosimili menzogne, accuse di apartheid,di pulizia etnica... Mentre gli arabi israeliani che sono un quinto della popolazione sono i più liberi, i più integrati (anche alla Knesset il parlamento Israeliano), i più sicuri di tutto il Medio Oriente."

Insomma siamo tornati negli anni trenta con una sorpresa a tradimento però: la distruzione della nostra stessa civiltà, apertamente proclamata da tutte le organizzazzioni palestinesi che sono tanto osannate in occidente. Qualcuno ha qualche dubbio ?

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter