Philae risponde, riparte la missione Rosetta

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

 

Si fa festa all’Esa. Dopo lo stop di novembre il modulo sbarcato sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko ha ripreso la trasmissione dati

Philae si è svegliato. Sta bene e comunica.

Si fa festa tra la comunità scientifica per il riavvio delle trasmissioni del modulo robotico rimasto in silenzio a soli tre giorni dall’atterraggio, dopo un viaggio di dieci anni, sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.

Il lander non era riuscito ad ancorarsi saldamente al suolo, nonostante il suo sistema di viti, ed era rimbalzato e finito in un’area buia, che aveva causato il rapido esaurimento delle batterie alimentate dall’energia solare. Ai tecnici dell’Esa, l’agenzia spaziale europea, non era restato che attendere l’avvicinamento della cometa al Sole (ora distante circa 300 milioni di chilometri) e sperare che il passaggio potesse riavviare il sistema di comunicazione con la sua sonda Rosetta.

Il primo tentativo risale ai primi di marzo. Si guardava con ottimismo ad agosto, quando la cometa sarebbe arrivata al punto più vicino rispetto al Sole (il perielio), distante 183 milioni di chilometri. Le apparecchiature hanno ripreso a funzionare prima: i
l primo segnale, attraverso la sonda in orbita, è giunto alle 22.28 del 13 giugno al centro di controllo dell'Esa a Darmstadt. Si tratta di 300 pacchetti di dati, trasmessi in 85 secondi.
Nella memoria di Philae ne sono immagazzinati altri 8.000 e questo fa dedurre che il risveglio sia avvenuto prima dell’inizio delle trasmissioni.
Philae ha riavviato i contatti con Rosetta.

La luce proveniente dalla stella del nostro sistema è stata dunque sufficiente per ricaricare le batterie del modulo, un cubo delle dimensioni di un metro perlato, che ha riavviato la trasmissione di dati.

 

Philae – stando alle ipotesi dei tecnici – potrebbe essere finito nei pressi di un’area ampia circa 16 metri per 160, vicino al bordo della depressione e all'ombra di un pendio. Una serie di circostanze che ne rendono difficile la visione e ostacolano l’efficace ricarica delle batterie.

 

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter