Giù la maschera

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Trump Donald ha vinto le lezioni in USA. Tutto Ok. All right.

Le agenzie ufficiali di rilevamento della temperatura del pianeta terra, riportano in questi giorni al Polo Nord ed al Polo Sud: 20 gradi di temperatura sopra la media.

La stretta cerchia della oligarchia che in fin dei conti comanda il Congresso degli Stati Uniti, ha ritenuto che la apparenza non serve più.

Per saccheggiare di nascosto, è inutile il partito democratico e lo Sceicco Obama, fautore della Sovranità dell’Islam. Si può derubare le altre nazioni ed il pianeta ad esclusivo vantaggio di pochi , apertamente, senza nascondersi.

All right: via libera ai combustibili fossili, allo sfruttamento smisurato di tutti gli altri popoli del pianeta, alle signorie bancarie, agli omicidi mirati di persone che invano tentano di salvare il pianeta terra dalla estinzione, ai crimini impuniti ovunque, agli assassini di giornalisti di inchiesta, agli omicidi di personalità che si oppongono alle ruberie degli USA, ecc. alla corruzione dell’FBI e degli apparati di sicurezza interna, ma sopratutto alla corruzione di paesi esteri da sfruttare , ridotti a colonie degli USA, o, come nel caso della Repubblica italiana, a sub colonia, governata da amministrazioni fantoccio sin dalla sua nascita ecc.

Resta però una domanda: Signor Donald, dove troviamo gli altri quattro pianeti che servono per soddisfare le esigenze della oligarchia che gli ha fatto vincere le elezioni?

Agli Usa ne servono infatti cinque di pianeti come la terra, per soddisfare gli appetiti della sua classe dominate che governa nei fatti, il Congresso degli Stati Uniti.

All right ha vinto l’estinzione.

Lunga vita al presidente Donald e soprattutto ai suoi discendenti, i quali a 350 gradi previsti entro tre secoli a venire sul pianeta terra a causa della forsennata politica degli USA, non resterà che scegliere il condimento prima di trasformarsi in frittura mista, all’olio di petrolio, naturalmente, bio.

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter