L’inquietante poesia dell’alga luminescente

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Grande interesse in Tasmania per la fioritura della Noctiluca scintillans. Lo sviluppo dell’organismo è però legato al surriscaldamento dell’atmosfera

Immagini bellissime, piene di fascino che nascondono, però, un pericolo. Più che imminente, già realtà. Un lento insinuarsi nella nostra quotidianità in maniera inesorabile.

Hanno destato grande interesse le immagini scattate sul fiume Derwent, in Tasmania, l’isola a sud dell’Australia, visibili sul sito web di Blackpaw

A scatenare l’attrazione di fotografi e scienziati la fioritura di un’alga bioluminescente, la Noctiluca scintillans.

Per due notti il corso d’acqua è stato costellato di numerose aree azzurro-bluastre, presenti in special modo sulle creste delle onde. A corredo del fenomeno, anche un’aurora australe.

Fin qui l’aspetto spettacolare. La bioluminescenza non è rara in natura ed è innescata da particolari reazione chimiche dovute alla presenza di sistemi enzimatici. In questo caso, però, svela aspetti poco rassicuranti dovuti al riscaldamento globale.

La moltiplicazione della Noctiluca scintillans è spesso dovuta ad afflusso di acque povere di ossigeno e provoca una massiccia moria di plancton e specie ittiche. Talvolta alla fioritura è associato anche il rilascio in atmosfera di nubi di ammoniaca. E il quadro da poetico si fa inquietante.

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter