Capodanno da incubo al Polo Nord, temperature 30 gradi oltre la media

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

I valori anomali causati dal ciclone che si è abbattuto sul Midwest


Oltre trenta gradi sopra la media. Un Capodanno che passerà alla storia quello appena trascorso nelle regione artiche.

La colonnina di mercurio ha fatto registrare la temperatura di 30-35 gradi Farenheit (tra il -1 e il +1,6 gradi Celsius). Valori addirittura superiori a quelli registrati nel Midwest degli Stati Uniti.

L’incredibile innalzamento termico è stato stimato (al Polo Nord non sono installate stazioni meteo permanenti) attraverso modelli meteorologici che sfruttano le immagini satellitari della Noaa (National oceanic and atmospheric administration), l'agenzia federale statunitense che si occupa di meteorologia.

Ma cosa ha determinato la corsa (si è calcolato sia avvenuta in sole 27 ore) della colonnina di mercurio?

I ricercatori non hanno dubbi: si tratta del ciclone che alla fine di dicembre ha causato tornado e successivamente inondazioni in Missouri, Illinois, Arkansas e Oklahoma. Nel suo percorso verso Nord, la tempesta ha trasportato masse di aria calda verso il Circolo polare artico.

Venti miti, con velocità fino a 70 miglia orarie, sono soffiati sul Mare del Nord. Ripercussioni anche in Islanda: negli stessi giorni la pressione atmosferica è calata di 54 millibar in appena 18 ore. Un valore tre volte superiore al limite che definisce una cosiddetta "bomba" meteorologica".

Uragani sempre più frequenti, cicloni e repentini cambiamenti di temperature e pressioni. Il clima sta cambiando, e a ritmi sempre più sostenuti. Mentre continua senza sosta l’immissione in atmosfera di gas serra.

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter