Islam ovvero la soppressione della civiltà giudaico cristiana

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Ecco cosa scrive Fiamma Nirenstain su "il giornale" del 15/10/2015:

"Lo sceicco Raed Salah, il capo del movimento estremista islamico, un personaggio che predica la morte degli ebrei e li accusa di mescolare il loro pane con il sangue dei bambini spinge avanti il terrorismo, forte della cittadinanza israeliana. E su tutti i social media palestinesi prevale di gran lunga la pazzesca bugia che i giovani palestinesi uccisi siano stati semplicemente attirati in una trappola omicida da Israele, bravi ragazzi che volevano solo "salvare la Moschea di Al Aqsa" mentre i leader non riescono a dire una parola buona dopo tanti anni di insegnamento dell'odio.

Netanyahu nella giornata di ieri ha rinnovato il suo invito a Abu Mazen a sedersi "senza precondizioni" e a intraprendere una trattativa "per quanto difficile possa essere"; ha anche promesso uno sforzo titanico per fermare il terrore. Ma Ban Ki-moon intanto dichiarava che la reazione di Israele all'attacco del terrore è sproporzionata. E che altro doveva dire l'ONU, che non dice una parola sulle stragi quotidiane sui confini di Israele stesso.

Intanto a Yale, dove teneva un discorso, John Kerry ha lanciato l'idea che i giovani palestinesi compiano atti di terrore a causa "della grande crescita degli insediamenti che si è avuta negli ultimi anni". Un'ipotesi strana, dato che i terroristi stessi vedono il motore nella Moschea di Al Aqsa. Di fatto si nota che le guerre di religione sono il massimo motore di stragi da queste parti, ma per Israele non vale. Anche dando un'occhiata ai dati, mentre nel suo anno da Primo Ministro Ehud Barak costruì 5000 case, Sharon 1881, Olmert 1774, le case di Bibi sono 1554, meno di quelle di qualsiasi altro Primo Ministro".

Fiamma Nirenstain non scrive nulla di inaspettato e di nuovo quindi.
La propaganda filo fondamentalista islamica dei media occidentali ed in particolar modo di quelli se definitisi di sinistra, ha raggiunto in questi giorni livelli di guardia .
Non abbiamo solo i social media del mondo arabo . L'occidente non è da meno e in questo, da decenni.
L'ONU complice ed antisemita alza, come sempre, il dito accusatore contro Israele e incita quindi ad ulteriore rivolta con il suo fare di parte chiaramente filo fondamentalista islamico.
Ammuffita come è da settanta anni, eretta a tutela degli interessi petroliferi e bancari di pochi a discapito di tutti, è un ente da mandare in soffitta da un bel pezzo. Invece è ancora li a fare danni, a non far nulla, o peggio, ad occuparsi di cose di cui non deve.
Tutta la società civile si deve alzare indignata per protesta contro questa nuova ondata antisemita " progressista". Invece è assente ed è colpevole per l'ennesima volta .
In larga parte complice dopo cinquanta anni di calunnie anti Israele dei media, la società civile europea tace compiaciuta a riguardo degli ultimi assassini compiuti dai terroristi palestinesi in Terra Santa. Con il suo silenzio compiaciuto è antisemita nei fatti.
L'usuale antisemitismo camuffato da notizie anti Israele della sinistra italiana in particolare, è diventato insopportabile e virulento.
L'appoggio incondizionato al terrorismo, che in queste ore miete vittime innocenti in Terra Santa e che la sinistra fa in Italia sui media è disgustoso.
La stampa ed i media italiani, li affiancano con una campagna di disinformazione indegna della libertà di stampa, sporcata in queste ore , ancora una volta, da notizie letteralmente rovesciate rispetto alla verità dei fatti .
On-line, ma anche sul cartaceo, giornaletti a distribuzione e tiratura nazionale raccontano delle sofferenze dei poveri palestinesi soppressi dai cattivi ebrei israeliani, "attirati in una trappola dall'esercito israeliano".
In verità, la legittima difesa dagli attacchi all'arma bianca, come sempre, per gli ebrei è negata.
Se sono ebrei, si possono uccidere impunemente , tanto sono solo ebrei .
Vecchia canzone antisemita, storica cantica , che un tempo apparteneva solo alla chiesa, ai fascisti, ed ai nazisti, ora invece è appannaggio moderno della "sinistra democratica italiana" e non solo di essa.
Le bugie sulla Terra Santa sono diventate il suo cavallo di battaglia. La sinistra trottando con le calunnie anti Israele, le ha fatte diventate la scusa per giustificare gli assassinii di queste ore di cittadini ebrei da parte di fondamentalisti islamici.
Il recente viaggio di Matteo Renzi in Israele suona come una completa presa in giro. Un totale bluff.
Tutto quello che ha dichiarato sono solo un cumulo di bugie, dette solo per conservare gli enormi vantaggi per l' Italia derivanti dagli accordi commerciali e tecnologici con Israele e per ingannare gli israeliani, negando la verità di quello che accade in Italia dove indisturbato un antisemitismo secolare si mostra con il volto delle bugie su Israele da troppi decenni.
Intanto i moderati arabi della Cisgiordania temono per la loro incolumità fisica.
Vengono visti come i nemici interni dai palestinesi, rivali da abbattere.
Nulla di nuovo anche questa volta per loro. Come sempre sono stati lasciati soli dagli europei e sopratutto dagli italiani ed ora sono esposti agli assassini dei terroristi fondamentalisti.
Israele e la civiltà guidaico cristiana deve essere distrutta . Questo è l'assunto di fondo che si insegna a scuola dei palestinesi sin dagli albori della nascita dello stato ebraico e non solo in Israele.
La semina dell'odio è terribile .
Abu Mazen e la sua trovata della bugia che gli ebrei ed i cristiani vogliono dissacrare e cancellare la moschea di Gerusalemme di al-Masjid al-Aqṣā[, che sorge nel complesso di edifici religiosi di Gerusalemme noto sia come Monte Majid o al-Ḥaram al-Sharīf (il nobile santuario) da parte dei musulmani e Har ha-Bayit (Monte del Tempio) dagli Ebrei, si sta rivoltando contro i palestinesi stessi. La piccola frangia moderata sopravvissuta agi scempi dei decenni scorsi è di nuovo in pericolo.
La bugia di 'al-Ḥaram al-Sharīf, che è considerato dal Sunnismo il terzo sito più sacro del mondo islamico dopo la Ka'ba e la Moschea del Profeta di Medina , ora si rivolge come una patata bollente contro i palestinesi moderati stessi, oltre che contro la comunità ebraica.
L'odio mostrato dagli aggressori contro gli ebrei è mostruoso. Settanta anni di scuola dell'odio ora mostra i suoi frutti.
L'occidente, l'ONU, ed il mondo civile silente e compiaciuto, ne sono complici

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter