A Cernobyl, dove gli alberi non si decompongono

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter  

 

Uno studio pubblicato sulla rivista Oecologia mette in relazione il decadimento con il grado di contaminazione radioattiva


Gli alberi di Cernobyl non si decompongono.

Un gruppo di ricercatori francesi e statunitensi ha studiato le piante della cosiddetta “foresta rossa”, un’area verde a ridosso della centrale teatro del disastro nucleare del 1986. Prima di morire, gli alberi assunsero una colorazione brunastra.

In seguito, è stato notato un rilevante rallentamento della degenerazione dei tronchi. A differenza da ciò che accade in natura, il legno sembrava ancora lungi dal degradarsi.

Per questo, è stato ideato un esperimento. I ricercatori hanno sparso nell’area di Cernobyl campioni di vegetazione prelevata in boschi non contaminati. Dopo nove mesi le conclusioni: la decomposizione si era ridotta del 40% rispetto alla norma. E grado di contaminazione e decomposizione sono risultati direttamente proporzionali.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Oecologia.

Condividi l'articolo
FaceBook  Twitter